Ha una domanda?
  • Prodotto/Numero articolo:
  • Commento:
  • Nome & Cognome:
  • Email:
  • Telefono:
Invio modulo
 | Deutsch | Français | English
Wellnessproducts.ch
Wellnessproducts.ch
0 prodotti nel carrello

Wellnessproducts > Fototerapia

Per menti curiose: le risposte alle domane fondamentali su Valkee

Come funziona la luce? È sicura? Proiettare la luce nel cervello ha effetti collaterali? Sono queste le domande che sempre più spesso ci vengono poste.
adapter-valkee-new-silver-combo-product.jpg
Quando si parla di salute e di nuove tecnologie, voler sapere tutto ciò che c'è da sapere prima di prendere una decisione viene spontaneo. Ecco perché siamo sempre lieti di rispondere a tutte le domande sui nostri prodotti e sulla scienza che c'è dietro.

Per tutti quelli che hanno voluto chiederci una domanda ma non hanno trovato il tempo o l'occasione, abbiamo compilato una serie di domande frequenti con le relative risposte. Chiedete se volete qualche chiarimento!

A che servono i dispositivi Valkee?

Le cuffie Valkee proiettano la luce nel cervello per alleviare i sintomi del disordine affettivo stagionale (SAD), conosciuto anche come depressione stagionale. Molta gente ne riconosce i suoi sintomi più comuni: ansia, stanchezza e ridotte performance cognitive. Usando il dispositivo per soli 12 minuti al giorno potrete migliorare il vostro umore e il vostro stato di veglia, soprattutto nei periodi più bui come l'autunno e l'inverso. Valkee ha testato i suoi dispositivi anche su atleti professionisti per migliorarne la psicomotricità e, per lo stesso motivo, su individui adulti sani.

Funziona? Quali prove avete?

Sia Valkee che ricercatori di terze parti hanno scoperto che: 1) il cervello umano è fotosensibile, per esempio la luce brillante stimola l'attività cerebrale; 2) la luce brillante portata al cervello attraverso il canale auricolare (e non solo tramite gli occhi) stimola il cervello; 3) tale stimolo è efficace per trattare ansia, stanchezza e riduzione delle capacità cognitive, sintomi tipici della SAD. La ricerca sistematica sulla terapia della luce è partita negli anni Ottanta. La ricerca sulla luce transcraniale è iniziata presso l'Università di Oulu nel 2007, e ha incluso, da allora, oltre 20 scienziati. Per saperne di più clicca qui.

Le mie orecchie possono avvertire la luce?

La luce brillante non è destinata alle orecchie bensì al cervello. Per attivare quelle parti del cervello che influenzano il nostro umore, il cervello necessita di essere esposto alla luce. Il canale auricolare si limita a fornire un passaggio conveniente attraverso il cranio.

È pericoloso esporre il cervello umano alla luce?

No, non lo è. La luce del sole penetra il cranio durante i giorni in cui c'è bel tempo. La luce brillante, seppur sotto forma di terapia durante i mesi invernali, non è niente di nuovo per il tuo cervello. Anzi, dà al cervello i segnali di luce che gli mancano. Ed è prima dei raggi UV che la luce solare contiene.

È sicuro usare Valkee?

Sì, se lo usi secondo le istruzioni. L'esposizione giornaliera raccomandata è di 12 minuti.

I dispositivi Valkee hanno effetti collaterali?

L'unico effetto collaterale è un senso di calore nel canale auricolare. Solo in pochi hanno avuto mal di testa passeggeri, insonnia e nausea. Cambiare l'ora di trattamento può avere effetti migliori sugli effetti collaterali.

Perché il Valkee è diverso da una normale lampada?

È una questione di convenienza: Valkee è piccolo e può essere portato sempre con sé. Una lampada convenzionale forza il paziente a stare seduto per 30 minuti o anche di più. Con il Valkee hai bisogno solo di 12 minuti e non devi restare immobile.

Posso provare un dispositivo Valkee con formula soddisfatti o rimborsati?
Se compri un dispositivo Valkee dallo store online di Valkee, lo puoi restituire o cambiare entro 14 giorni a partire dalla data di consegna, escluso il giorno di consegna e inclusi fine settimana e festività, a patto che il prodotto sia in condizioni tali da poter essere rivenduto. In altre parole, se vuoi provare il prodotto, familiarizzare con esso e provarlo sei il benvenuto. Ma maneggialo con cura!

Hai altre domande, commenti o esperienze da condividere? Faccelo sapere nella sezione dei commenti o contattaci su Facebook o Twitter.
17.09.Thomas Toernell