Ha una domanda?
  • Prodotto/Numero articolo:
  • Commento:
  • Nome & Cognome:
  • Email:
  • Telefono:
Invio modulo
 | Deutsch | Français | English
Wellnessproducts.ch
Wellnessproducts.ch
0 prodotti nel carrello

Wellnessproducts > TENS contro il dolore

Dolori legati alla frattura di ossa

Nella maggior parte dei casi si verifica una frattura, a seguito di un'azione violenta dall'esterno, come in un incidente, a seguito di una caduta o lesioni sportive. Il termine tecnico usato per parlare di un osso rotto è 'frattura'. Se un osso viene sollecitato in modo permanente e per lungo tempo, si può rompere con facilità. Questo tipo di frattura è chiamata frattura per fatica o frattura da stress.
© Kautz15 - Fotolia.com
© Kautz15 - Fotolia.com
La frattura patologica
Qualche volta le fratture ossee possono verificarsi senza alcun impatto, e in questo caso si parla di frattura spontanea o frattura patologica. Le ragioni sono sollecitazioni sull'osso estreme e per lungo tempo o qualche danno drastico all'osso, come per esempio in caso di osteoporosi (perdita ossea) o tumori. Le fratture ossee riguardano per lo più atleti o sportivi occasionali (sciatori), guidatori, ma anche molti anziani inclini alle cadute.

La funzione delle ossa
In teoria, le ossa rotte sono possibili in tutte le parti del corpo laddove c'è una struttura ossea. Nel corpo umano ci sono circa 200 ossa che formano insieme a muscoli, legamenti e tendini l'apparato locomotore del corpo. Alcune ossa, come il teschio o le ossa del torace, proteggono gli organi vitali. Ecco perché le ossa hanno una funzione importante e sono dotate per natura di una struttura incredibilmente dura, creata da sali minerali, soprattutto fosfato di calcio e carbonato di calcio.

Le fratture da impatto
Tuttavia, le fratture possono essere dovute ad un impatto estremo o ad un cambiamento graduale dell'osso. Statisticamente, le fratture più comuni sono nell'avambraccio, dal momento che usiamo istintivamente le braccia per attutire l'impatto durante le cadute. A seguire, i candidati comuni per le fratture ossee sono: le braccia e le gambe, le costole e le anche.

Differenze fra fratture
A seconda della forma e della presenza della frattura, cambiano i nomi e le forme di trattamento. Significativa è la distinzione tra fratture esposte, cioè fratture con ferite ed eventuale proiezione dell'osso nella zona della frattura, e fratture non esposte senza taglio della pelle. All'interno di queste suddivisioni ci sono altre differenze. Se le ossa della zona della frattura sono solo leggermente spostate le une contro le altre, non è necessario l'intervento chirurgico. Le ossa vengono stabilizzate da stecche o da gesso ed estese, se necessario. Se le ossa si spostano, bisogna ricorrere all'intervento chirurgico per collocare in posizione i frammenti. Persino un intervento chirurgico di successo e una buona guarigione possono portare ad un dolore cronico - un fenomeno sulle cui cause i medici hanno studiato per molti anni e che ora chiamano "distrofia".

I sintomi
Come per le fratture ossee, il tessuto circostante, i legamenti, i tendini, i muscoli e la pelle possono essere coinvolti in modo sensibile e ci sono alcuni segnali incerti ma chiari che indicano la presenza di una frattura. I sintomi incerti comprendono dolore, gonfiore, lividi e limitazioni nella mobilità. Il dolore può essere percepito in particolare quando viene stressata la parte del corpo interessata. I segni chiari sono nelle fratture scomposte in cui la rispettiva parte del corpo viene deformata o si muove in modo innaturale, i frammenti ossei sporgono dalla ferita, c'è una deformità angolare e il piede è nella direzione sbagliata.

Diagnosi e primi interventi
I raggi X o la TAC sono utili nella diagnosi. Si verifica un forte dolore perché il periostio viene fornito da molti nervi sensoriali che inviano segnali di allarme al cervello in caso di disturbi o danni. Se si sospetta una frattura, la zona interessata andrebbe mossa il meno possibile e immobilizzata con coperte o altro materiale morbido. La perdita di sangue o il dolore possono causare uno shock.
Si consiglia sempre particolare cautela quando possono essere colpiti gli organi interni. Ad esempio, le fratture costali sono associate ad un forte dolore e possono causare lesioni polmonari. Le fratture nella zona pelvica sono quasi sempre accompagnate da emorragie interne e aumento del rischio di shock.

Le fratture vertebrali
Le fratture vertebrali sono un caso a parte e possono verificarsi a seguito di una caduta dall'alto e possono includere anche fratture frequenti in incidenti in moto. Poiché la colonna vertebrale circonda come una struttura protettiva il midollo spinale con le principali vie nervose al cervello, le fratture vertebrali possono causare lesioni al midollo spinale e quindi portare alla paralisi. Si capisce che si ha una frattura vertebrale quando si sente un forte dolore dopo l'incidente e si riesce a malapena a muovere il corpo. Se le braccia e le gambe sono paralizzate, c'è il sospetto di una lesione al midollo spinale.
La frattura da stress
In caso di frattura per fatica o da stress, spesso è difficile fare una diagnosi, poiché la frattura nei raggi X non appare uguale. All'inizio ci sono solo microfessure che possono portare alla rottura. La ragione è di solito un carico pesante e continuo sull'osso, come il metatarso o la tibia di calciatori e corridori. Si verificano alcuni dolori non specifici al piede o alla tibia che si acuiscono sotto stress. La frattura patologica o spontanea causata da osteoporosi o da tumore di solito si presenta come frattura di alcune vertebre.

Trattamento
A seconda della gravità e del tipo di frattura, è necessario un trattamento corrispondente e immediato. Dal momento che le fratture richiedono riposo, dopo la fase di recupero bisogna prendere alcune misure che portano alla formazione e al rafforzamento del muscolo morbido, per rendere possibile una mobilità completa. Comunque è molto vantaggiosa una fisioterapia intensiva. Un trattamento per l'osteoporosi può anche accelerare il processo di guarigione. Agli anziani si raccomanda l'assunzione di cibi ricchi di vitamine, soprattutto vitamina D, e calcio.

Terapia del dolore
Poiché le fratture ossee sono associate ad un forte dolore, la persona interessata deve aspettarsi di provare delle fitte durante la fase di guarigione. Pertanto è importante una terapia del dolore adeguata. La TENS - stimolazione nervosa elettrica transcutanea - si è dimostrata molto utile nel sollievo dal dolore cronico.

La TENS
Questo metodo di guarigione naturale scientificamente accettato si basa sul metodo dell'inibizione dei trasmettitori del dolore. Dopo aver perso la sua funzione di avvertimento per il corpo, il dolore cronico non è più necessario. A seguito di un'irritazione attraverso stimoli elettrici, come quelli usati dal corpo stesso per la trasmissione dello stimolo, viene inibita l'informazione del dolore. Inoltre, viene incoraggiata la distribuzione di sostanze endogene analgesiche. La durata e il tipo di trattamento vanno discussi con il medico. Il vantaggio della TENS è che richiede un solo apparecchio e adeguati adesivi per gli elettrodi. Così, dopo aver ricevuto le istruzioni da parte del medico, il trattamento può essere effettuato dagli stessi pazienti a casa.
17.09.Thomas Toernell