Ha una domanda?
  • Prodotto/Numero articolo:
  • Commento:
  • Nome & Cognome:
  • Email:
  • Telefono:
Invio modulo
 | Deutsch | Français | English
Wellnessproducts.ch
Wellnessproducts.ch
0 prodotti nel carrello

Wellnessproducts > TENS contro il dolore

La sindrome cervicale

La parola 'sindrome' è un termine che raggruppa vari sintomi o segni di malattia. Soprattutto in caso dolori cronici al collo o alla nuca, la diagnosi del medico è spesso molto rapida: si tratta di 'sindrome cervicale'. Tuttavia, è un termine meramente generico che descrive disturbi inusuali nella colonna cervicale. Non si riferisce a una malattia specifica e può avere molte cause diverse.
74.jpg
Cos'è la sindrome cervicale?
Si tratta di un dolore sia acuto sia cronico della colonna vertebrale cervicale, che si verifica relativamente spesso e che colpisce in particolare le persone tra i 20 e i 60 anni. Questo dolore può irradiarsi dalla colonna cervicale alle braccia, alle spalle e anche alla parte posteriore della testa, a volte anche fino alla fronte. I muscoli intorno alla colonna cervicale s'induriscono, la testa può fare solo movimenti limitati.

Quali sono i sintomi?
Oltre al dolore al collo e alla nuca, la sindrome cervicale si manifesta anche attraverso forti mal di testa, vertigini, nausea, disturbi della deglutizione o acufene, quando la colonna vertebrale cervicale superiore è affetta da tale disturbo. In caso di improvvisa comparsa di questi dolori o di un mal di testa persistente, di emicrania con aura, di disturbi visivi o di perdita di forza e sensibilità alle braccia o alle gambe, una consultazione medica è assolutamente necessaria. Se la parte inferiore della colonna cervicale è bloccata, si può avvertire un dolore sordo nelle braccia fino alle mani. Possono comparire anche una sensazione di formicolio, una parestesia in tutte le dita e una sensazione di freddo. L'immobilità improvvisa può anche provocare un 'torcicollo acuto' in cui si irradia il dolore alla testa, alle spalle, ma anche alle braccia e fino al mignolo.

Diverse tipologie
Ci sono diverse tipologie di questi segni di malattia che si basano anche sulla causa in questione. Una cattiva postura è ad esempio alla base della sindrome cervicale funzionale. La sindrome cervicale degenerativa può verificarsi a causa dell’usura o del deterioramento. La sindrome cervicale post-traumatica si verifica dopo un incidente. Le malattie più comuni fanno parte della sindrome cervicale degenerativa, cioè le malattie causate dall'usura.

Perché ci colpisce così spesso?
Uno dei motivi della frequente comparsa della sindrome cervicale è probabilmente che sempre più persone passano tanto tempo sedute, lavorando al computer, guardando la TV o affrontando lunghi viaggi in macchina, senza esserne nemmeno realmente consapevoli. Non per niente la sindrome cervicale è una malattia molto diffusa nella popolazione attiva. Con la mancanza di esercizio fisico, i muscoli che altrimenti sostengono la zona cervicale sono sempre più deboli, mentre altri muscoli si irrigidiscono a causa di cattive posture. Se non viene curata, la sindrome cervicale limita i movimenti, causa una dolorosa tensione muscolare, nonché dolori nelle parti del corpo circostanti.

La colpa non è sempre nostra
La sindrome cervicale può pero anche essere causata da malattie quali stenosi spinale (restringimento del canale vertebrale), sindrome delle faccette (artrite delle articolazioni intervertebrali), fibromialgia (o sindrome fibromialgica) o osteocondrosi (cambiamento della cartilagine del disco intervertebrale), o ancora da un blocco, cioè da una vertebra dislocata e da fratture vertebrali. La libertà di movimento è limitata in tutte le direzioni e si verificano tensioni muscolari che fanno male a causa della pressione.

La sindrome cervicale locale
Un'altra classificazione distingue la sindrome cervicale locale, radicolare e pseudoradicolare. La causa dei disturbi della sindrome cervicale locale si trova nella colonna cervicale stessa. Il dolore non si irradia alle braccia. Le cause possono essere dei segni di usura e dei bloccaggi delle articolazioni intervertebrali che si trovano tra le singole vertebre. Questo può verificarsi con un danno al disco intervertebrale e la modifica degli spazi intervertebrali e può portare ai tipici disturbi locali della sindrome cervicale.

La sindrome cervicale radicolare
Nella sindrome cervicale radicolare, i dolori si verificano anche nella colonna vertebrale cervicale stessa, ma si manifestano in uno o entrambe le braccia, dove si avvertono poi più chiaramente. Questi dolori sono nettamente definiti e partono da una radice nervosa del midollo spinale compressa. Spesso, si avverte intorno alla radice del nervo interessato una sensazione di intorpidimento, formicolio, una debolezza o anche una paralisi dei muscoli del braccio alimentati da questo nervo.

Occhio all'ernia
Un'ernia del disco, ad esempio, può essere la causa di una sindrome cervicale radicolare. Si tratta della protrusione di un disco intervertebrale che preme sulla radice nervosa in questione. La neoformazione ossea, più comune in età avanzata, comporta disturbi simili a quelli dell'ernia del disco. In questo caso, l'usura tra due vertebre cervicali provoca la neoformazione ossea, che in certe circostanze preme su una radice nervosa.

La sindrome cervicale pseudoradicolare
La sindrome cervicale pseudoradicolare indica i disturbi che irradiano dalla colonna cervicale in uno o entrambe le braccia, dove il dolore è piuttosto diffuso ma che può difficilmente essere localizzato. I disturbi non derivano da una radice nervosa compressa, per cui si usa il termine 'pseudoradicolare'. Le disfunzioni nelle colonna cervicale inferiore, che mostrano piccoli segni di usura, ne sono spesso la causa. Non si avverte nessuna sensazione di intorpidimento o paralisi.

Altre cause
Queste sono le principali cause dei disturbi della sindrome cervicale. Più raramente si verificano tumori ossei nella colonna cervicale o vertebre saldate tra di loro ed escrescenze periferiche a causa dell'artrosi. Anche l'osteoporosi, la neurite, i traumi causati da lesioni e le malattie reumatiche possono innescare il dolore.

Acuta o cronica
Per la sindrome cervicale acuta e i dolori acuti associati, la causa si trova di solito nei muscoli e la guaina fibrosa che circonda i muscoli. Il dolore è causato da una lesione di questi muscoli. La sindrome cervicale cronica è al contrario il risultato di disfunzioni del disco intervertebrale o delle articolazioni intervertebrali.
Trattamento: le opzioni
La terapia avviene sui percorsi neurali doloranti o sui muscoli tesi. Qui, un'elettroterapia come la TENS/EMS è particolarmente utile, perché conduce in modo rapido ed efficiente ad alleviare il dolore e a rilassare i muscoli. La stimolazione elettrica consente di bloccare il dolore o rilassare i muscoli tesi e dolorosi, nonché di migliorare la circolazione del sangue. Il dolore diminuisce anche con il rilassamento e il rilascio di endorfine o sostanze analgesiche del organismo.

Curarsi con l'elettrostimolazione
L'elettrostimolazione classica può contribuire a un grande sollievo dei dolori attraverso il rilassamento dei muscoli. Il passo successivo consiste nel lavoro muscolare mirato delle zone interessate intorno alla colonna cervicale. Più i muscoli sono forti, meno rapidamente si affaticano. Offrono una migliore protezione del disco intervertebrale e delle vertebre, che non possono essere allenate.

TENS e EMS: come funziona il trattamento
La TENS e l'EMS consentono anche di gestire il trattamento da soli e a casa, secondo le vostre necessità. L'area di trattamento comprende la zona delle vertebre cervicali del muscolo trapezio superiore e i muscoli lungo la colonna cervicale. A questo scopo vengono incollati delle coppie di mini elettrodi a sinistra e a destra della colonna cervicale. Per il dolore al collo, alle spalle e alle braccia, si possono applicare anche quattro elettrodi. Questo avviene con molta facilità attraverso l'uso di cuscinetti autoadesivi. È possibile migliorare l'effetto del trattamento, modificando la frequenza di stimolazione su un dispositivo piccolo e molto pratico, così come con l'aiuto di elettrodi di diverse dimensioni. In ogni caso, si dovrebbe provvedere tempestivamente ad alleviare il dolore, onde evitare la formazione della cosiddetta 'memoria del dolore'.
17.09.Eszter Langer